Schema di DPCM in materia di perimetro di sicurezza nazionale cibernetica


Anche se lo schema di DPCM che riguarda il perimetro di sicurezza nazionale cibernetica potrebbe essere ancora soggetto a variazioni, il suo iter dovrebbe concludersi entro il mese di luglio, possiamo fare una prima estrema sintesi di quanto già introdotto nel testo.

Il perimetro individua soggetti che appartengono a due macro-categorie: quelli che assolvono a una funzione essenziale dello Stato e quelli che prestano un servizio essenziale per gli interessi dello Stato

Alla prima categoria appartengono quei soggetti a cui l'ordinamento attribuisce compiti rivolti ad assicurare:

  • La continuità dell'azione del Governo e degli Organi costituzionali
  • La sicurezza interna ed esterna e la difesa dello Stato
  • Le relazioni internazionali
  • La sicurezza e l'ordine pubblico
  • L'amministrazione della giustizia
  • La funzionalità dei sistemi economico e finanziario, e dei trasporti

Alla seconda categoria appartengono quei soggetti anche privati che esercitano servizi essenziali in connessione con le seguenti attività:

  • Attività strumentali all'esercizio di funzioni essenziali dello Stato
  • Attività necessarie per l'esercizio e il godimento dei diritti fondamentali
  • Attività necessarie per la continuità degli approvvigionamenti e l'efficienza delle infrastrutture e della logistica
  • Attività di ricerca e attività relative alle realtà produttive nel campo dell'alta tecnologia e in ogni altro settore; ove presentano rilievo economico e sociale, anche ai fini della garanzia dell'autonomia strategica nazionale, della competitività e dello sviluppo del sistema economico nazionale.

La norma individua le amministrazioni che dovranno in concreto predisporre una lista dei soggetti appartenenti alle macro-categorie sopra elencate che ricadono nel perimetro. Ciascuna amministrazione competente in relazione ai rispettivi settori di attività dovrà valutare attraverso un'analisi dei rischi gli effetti dell'interruzione della funzione o servizio essenziale in caso di incidente ICT e di minaccia per la disponibilità, l'integrità e la riservatezza delle informazioni con particolare riguardo all'estensione territoriale, al numero e alla tipologia di utenti potenzialmente interessati, ai livelli di servizio garantiti, alle possibili ricadute economiche, individuando quei casi in cui il rischio per la sicurezza nazionale è ritenuto massimo e le possibilità di mitigazione minime.

I soggetti inclusi nell'elenco riceveranno comunicazione dal DIS (Dipartimento per le informazioni sulla sicurezza) di essere stati inclusi nel perimetro e conseguentemente dovranno predisporre ed aggiornare con cadenza almeno annuale un elenco dei loro beni ICT ovvero reti, sistemi informativi e servizi informatici, descrizione della loro architettura e componentistica ed a trasmettere tali elenchi attraverso apposita piattaforma digitale costituita presso il DIS alla struttura della Presidenza del Consiglio dei ministri per l'innovazione tecnologica e al Ministero dello sviluppo economico.

Aggiornamento del 22/10/2020: è stato finalmente pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) di attuazione del Perimetro di Sicurezza Nazionale Cibernetica 


Commenti

Post popolari in questo blog

Cancellazione sicura: la sanificazione dei dati informatici

La privacy del dato genetico, il caso di FamilyTreeDNA

Metti al sicuro la tua vita digitale dal social engineering