Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2017

The Privacy of Money: l'avvento delle criptovalute

Immagine
In tutto il mondo i cittadini stanno mostrando insofferenza verso un controllo sempre più sistematico delle istituzioni sui propri flussi finanziari, in base ai quali spesso vengono fatte profilazioni su cui poi si stabilisce l'affidabilità o meno di una certa persona sul piano economico. Anche se il nuovissimo Regolamento Europeo sui dati personali all'art. 22 stabilisce che "L'interessato ha il diritto di non essere sottoposto a una decisione basata unicamente sul trattamento automatizzato, compresa la profilazione, che produca effetti giuridici che lo riguardano o che incida in modo analogo significativamente sulla sua persona"  e che quindi un sistema automatizzato NON può prendere delle decisioni in base ai soli dati personali di una persona senza l'intervento umano, appare chiaro a tutti che è assolutamente banale scavalcare questa disposizione semplicemente avallando "umanamente" ciò che viene stabilito dalla macchina. Una delle conseguenz

La valutazione d'impatto sulla protezione dei dati personali

Immagine
La valutazione dei rischi privacy o Privacy Impact Assessment (PIA) è uno dei punti più importanti introdotti dal nuovo regolamento europeo sui dati personali agli articoli 35 e 36, l'onere è in capo al titolare del trattamento e l'inadempienza della norma comporta sanzioni pecuniarie fino a 10.000.000 di Euro o fino al 2% del fatturato annuo globale dell'anno precedente la violazione, quindi questa volta sanzioni molto importanti e badate bene: il regolamento europeo è una legge e non una direttiva quindi non ci saranno rinvii come molti auspicano. Inoltre essendo una legge che coinvolge tutti e 28 i paesi europei - sì per adesso anche la Gran Bretagna - nel caso di una violazione avvenuta in Italia dei diritti di un cittadino che risiede in un altro paese dell'UE, sarà proprio il garante di quel paese, magari proprio il garante britannico, che verrà qui col coltello tra i denti a fare un sacco di domande scomode all'azienda responsabile della violazione. Prim